Fidas Verona - Sorridi alla vita e dona con gioia
     
-STATUTO
-REGOLAMENTO
-ATTO COSTITUTIVO
-HOME PAGE

Scarica l'atto costitutivo in pdf




 
ATTO COSTITUTIVO DELL’ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA
 

ATTO COSTITUTIVO DELL’ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA
Per una più completa conoscenza storica di come è nato il gruppo

Oggi 30 settembre 1997 in Verona, viale dell’Agricoltura n.1, presso la sede delle Associazioni sotto indicate, si sono riuniti i signori:

  • Rosa Sergio, nato a Parma il 15 marzo 1921
    Presidente del Gruppo Francescano Donatori Volontari Sangue
  • Scapini Arrigo, nato a Salizzole (VR) il 10 maggio 1928
    Vicepresidente del gruppo Samaritano Donatori Volontari Sangue
  • Salvagno Silvano, nato a Verona il 5 dicembre 1940
    Presidente del Gruppo San Camillo de Lellis Donatori Volontari Sangue

Tutti e tre domiciliati per la carica in Verona, viale dell’Agricoltura n.1

Detti signori sono stati delegati dalle rispettive assemblee straordinarie dei soci, tenutesi in Verona:

  • Gruppo Francescano in data 12 aprile 1997

  • Gruppo Samaritano in data 14 settembre 1997

  • Gruppo San Camillo de Lellis in data 20 aprile 1997

a predisporre e firmare il presente atto che prevede la costituzione dell’Associazione denominata FIDAS VERONA Donatori Volontari Sangue, e che sarà formata dall’unificazione dei tre gruppi suindicati.

L’attività della FIDAS VERONA inizierà a tutti gli effetti a partire dall’1/1/1998; le elezioni alle varie cariche saranno effettuate dai delegati delle varie sezioni, che successivamente verranno indicate, entro il mese di ottobre 1997.
La sede sociale sarà in Verona, viale dell’Agricoltura n.1.
Tutte le norme attinenti all’attività ed alla sua regolamentazione sono esposte nello statuto allegato e nel regolamento applicativo.
Considerato che i tre gruppi sono presenti sul territorio da molti anni e che hanno operato nella provincia di Verona con risultati degni di grande merito, al fine di non dimenticare i dati essenziali della loro storia, se ne fa breve cenno.

GRUPPO FRANCESCANO

Il giorno 22 marzo 1952 alcuni donatori di sangue, riuniti presso il convento di San Bernardino in Verona, costituirono il Gruppo Francescano Donatori Sangue.
I loro nomi sono: Bresciani Carlo, Chiumenti Gino, Galvagni Silvio, Gottardi Antonio, padre Mariani Isidoro, Ogheri Mosè.
È la nascita ufficiale dell’associazione.

Il nucleo dei soci fondatori è diventato una grande famiglia. Ai primi iscritti se ne sono aggiunti tanti altri e le tessere rilasciate al 31/12/1996 sono state 12.500; attualmente i soci sono 3.300 suddivisi in 34 sezioni:

Albaro – Alcenago – Officine ing. Biasi – Buttapietra – Caselle di Sommacampagna – Castelletto –
Cattolica Assicurazioni – Erbezzo – Fane – Fumane – Golosine – Grezzana – Lavagno –
Lugo di Valpantena – Marano – Maurizio Mazzi – Mezzane – Montorio – Negrar – Parona –
Perzacco – Povegliano – Pozzo – Primo Maggio – Raldon – Romagnano – Ronco all’Adige –
Sant’ Ambrogio – Santa Lucia – S.I.P. – Stallavena – Valgatata – Vallese – Verona centro.

Al primo presidente eletto, sig. Chiumenti Gino, che ha guidato il Gruppo fino all’anno 1969, è succeduto il       comm. Rosa Sergio, attuale presidente.

GRUPPO SAMARITANO

Il giorno 8 novembre 1955un gruppo di operai lavoratori presso l’officina locomotive delle Ferrovie dello Stato in Verona - stazione Porta Vescovo, dopo essersi riuniti in assemblea e considerata l’urgente necessità di sangue occorrente agli ospedali veronesi, decisero di costituire una nuova Associazione denominandola Gruppo Samaritano Donatori Volontari Sangue.
I donatori infatti sono dei buoni samaritani che donano con gioia per aiutare il prossimo più debole: l’ammalato.
I nomi dei soci fondatori sono: geom. Manzini Giuseppe, Brunelli Luigi, Bragantini Albano, Lonardi Giuseppe, Alberti Bruno, cav. Girardi Arnaldo, Ciamaritano Luigi, don Sorio.

Il Gruppo ha operato ed opera sul territorio veronese dove ha aperto le sue sezioni, che oggi sono:

Verona città e Ferrovieri – Salizzole con alcuni paresi limitrofi (Crosare, Engazzà, Bionde, Isola Rizza) –
Mazzantica – San Nazaro – Pedemonte.

Il primo presidente fu il geom. Manzini Giuseppe, successivamente fu chiamato a presiedere il gruppo il sig. Facchin Bruno, al quale è succeduto poi il dott. Manzini Francesco Lucio, attuale presidente.

GRUPPO SAN CAMILLO DE LELLIS

Il giorno 14 luglio 1962, dedicato a San Camillo de Lellis, alcuni giovani collaboratori della Società S. Vincenzo de’ Paoli costituirono il Gruppo Donatori Volontari Sangue San Camillo de Lellis.
I loro nomi: Baschera Giuseppe, Castelli Renato, De Boni Giorgio, De Boni Romano, Grisi Giuseppe, Negrello Giuliano, Rinaldi Tarcisio, Sabaini Diego, Zanetti Luciano.

L’ideale che spinse, in quel lontano 1962, questi giovani vicenziani fu la carità: quella di donare ai poveri la loro solerte disponibilità di tempo e servizio, ed agli ammalati quella linfa preziosa che scorre in ogni piccola parte del nostro corpo: il sangue.
Le regole statutarie che approvarono richiamano tuttora, l’ideale vincenziano:

  • le donazioni del sangue quale atto di vita per i fratelli ammalati;
  • la beneficenza effettuata con le disponibilità derivanti dal loro gesto.

Il piccolo nucleo dei soci fondatori si è moltiplicato nel tempo; le tessere distribuite ai donatori sono oltre 15.000; i soci attivi sono attualmente 4.100 ed operano sul territorio della provincia suddivisi in 32 sezioni:

A.G.S.M. – Alpo – Badia Calavena / Alta Val d’Illasi – Bonavicina – Bosco Chiesanuova – Bovolone –
Ca’ di David – Casaleone – Castelnuovo D/G – Cerea – Cerro – Città – Colognola ai Colli –
Dossobuono – Isola Rizza – Mozzecane – Pedemonte – Quaderni – Rosegaferro – Roverchiara –
San Floriano – San Giorgio in Salici – Sanguinetto – San Martino Buon Albergo – San Massimo –
San Pietro di Morubio – Tomba / Z.A.I. – Tregnago – Valeggio sul Mincio – Villafranca –
I.T.I.S.  “G. Marconi” – Istituto professionale “G. Giorgi”.

Il primo presidente eletto fu il prof. Baschera Giuseppe, che ha guidato il gruppo fino al 1974, sostituito poi dal prof. Dal Cero Paolo, che continuò la sua opera fino al 1986, anno in cui venne chiamato a presiedere il sig. Salvagno Silvano, attualmente in carica.