Si decidono le strategie di gioco
Palio del donatore 'ZugarDonando'

2012 - 1° Palio del donatore

1° Trofeo giochi all’aperto ZugarDonando
Palio del donatore

Dossobuono - 17 giugno 2012


Inventare giochi attinenti il dono del sangue e recuperarne altri “antichi” e, ormai poco praticati, è stata la missione che la sezione di Dossobuono si è data in questo primo Torneo denominato ZugarDonando.
Per prendervi parte, le sezioni Fidas Verona sono state invitate a creare delle squadre composte da donatori o aspiranti. Però, come di norma succede per ogni evento proposto per la prima volta, non sono giunte un gran numero di iscrizioni, forse anche per i timori legati alla mancata conoscenza dei giochi previsti nel torneo che potevano far pensare che le gare previste fossero riservate a specialisti ben allenati. Terminata questa edizione si può proprio assicurare che non è stato affatto così.

Le squadre che si sono cimentate in questa nuova esperienza sono state: Colognola ai Colli (la sezione che non manca a nessun appuntamento sportivo Fidas Verona), Dossobuono (padroni di casa), Fidas Giovani (anche il Gruppo Giovani provinciale non manca mai a queste occasioni), Povegliano (con l’aiuto di donatori di Valeggio sul Mincio), San Giorgio in Salici (anche loro abbonati alla partecipazione a eventi associativi), e una squadra mista denominata Sud-Ovest, di donatori provenienti dal villafranchese e dal Basso Veronese.
Il parco pubblico di Dossobuono si è dimostrato, grazie ai suoi ampi spazi verdi, un valido luogo per lo svolgimento delle gare iniziate già dal mattino con i “zughi de na olta”, come il lancio di un anello che si doveva infilare in un palo sporgente da terra; la corsa con i sacchi; il gioco della "pega" e, per finire, il salto con la corda.
Le altre fantasiose gare denominate “in emoteca”, “raccatta il donatore”, “riempi la sacca”, “raccolta sangue differenziata”“il puzzle” sono state pensate per far divertire i partecipanti e il pubblico utilizzando per i giochi temi inerenti il mondo della donazione.
Poi un ritorno al classico con le bocce e il calcio balilla ha fatto respirare una certa aria di normalità ai concorrenti.
Il divertente gioco finale, denominato “goccia dopo goccia”, in cui i componenti di ogni squadra dovevano prelevare con le mani dell’acqua dalla piscina per poi passarsela di mano in mano fino a riempire una bottiglia, ha concluso il torneo il cui punteggio finale ha premiato la Fidas Giovani che si è aggiudicata la vittoria per un punto sulla squadra di Povegliano. Al terzo posto è giunta Dossobuono.

Fugati tutti i dubbi sulla semplicità e sulla simpatia dei giochi che si sono rivelati adatti a chiunque, possiamo affermare che durante la giornata a farla da padrone è stato il divertimento, unito a un pizzico di sano agonismo, consapevoli dell’importanza di far parte di una grande associazione come Fidas Verona.
A partecipare sono stati giovani e adulti (complimenti a un amico concorrente di 62 anni) e persone accompagnate da moglie e figli. C’è stato chi si è preso una pausa per adempiere a impegni famigliari per poi tornare, e chi ha preparato il pranzo e la macedonia di frutta per tutti.

L’anno prossimo, in un’eventuale seconda edizione, si spera proprio in un aumento degli iscritti perché chi ha partecipato a questa, può garantire di essersi divertito grazie all’organizzazione degli amici di Dossobuono che hanno fatto sentire tutti come a casa propria. 
 

- Classifica finale:
1° posto: Fidas Giovani        46 punti
2° posto: Povegliano            45 punti
3° posto: Dossobuono          40 punti
4° posto: S. Giorgio in Salici 37 punti
5° posto: Sud-Ovest              26 punti
                Colognola ai Colli  26 punti

Nella gallery sono disponibili alcune foto della giornata.