News Fidas

Fidas Verona e BluVolley insieme per promuovere il dono del sangue a scuola

Un incontro all’Istituto Marconi per veicolare il messaggio di solidarietà.
Fidas Verona scelta come “charity partner” della squadra gialloblù

Donatori di Fidas Verona e testimonial di BluVolley Calzedonia alleati per promuovere il dono del sangue a scuola. È entrata nel vivo la collaborazione tra la società gialloblù di volley e l’associazione di donatori per l’anno scolastico 2018/2019. Dopo un primo incontro all’istituto “Alle Stimate”, oggi 334 studenti dell’istituto tecnico “Guglielmo Marconi” hanno assistito a una lezione speciale.

All’incontro erano presenti Lucio Bonadimani e Davide Milani, referenti per BluVolley, e Maria Cristina Fontanarosa, volontaria di Fidas Verona per il “Progetto scuole”. A fare da collegamento con l’istituto “Guglielmo Marconi” – che ospita al suo interno una sezione di Fidas Verona – è stata la professoressa Isabella Martini. Obiettivo comune: fare muro contro l’indifferenza e sensibilizzare le giovani generazioni sull’importanza di effettuare un gesto gratuito che può salvare tante vite.
  
La collaborazione tra Fidas Verona e BluVolley Calzedonia è consolidata. Da 12 anni i donatori prestano servizio volontario all’Agsm Forum, controllando gli accessi del pubblico nei vari settori. Un impegno che continuerà anche quest’anno, con Fidas Verona charity partner ufficiale della squadra.
Grazie alla collaborazione con BluVolley, il “Progetto scuole” punta a crescere ancora. Durante lo scorso anno scolastico i volontari hanno incontrato ben 6.325 alunni, dalle primarie alle superiori. A seguito degli interventi di promozione, inoltre, 293 studenti delle superiori si sono prenotati per fare la loro prima donazione; 69 provenivano proprio dal “Marconi”.
 
«Siamo felici che l’amicizia con la BluVolley ci permetta di veicolare con sempre maggior efficacia il messaggio del dono di sangue e plasma – sottolinea la presidente provinciale di Fidas Verona, Chiara Donadelli –. L’esempio positivo dei giocatori e la passione dei nostri volontari contribuiranno a far crescere la cultura del dono. Ricordiamo che tendere il braccio, oltre a essere un atto solidale, è una terapia insostituibile, possibile soltanto grazie alle donazioni volontarie di tante persone».
Sport e solidarietà sono due cardini fondamentali per BluVolley Calzedonia. «Crediamo nell’importanza della donazione di sangue e di uno stile di vita sano, che possono e devono camminare una accanto all’altra. Donare il sangue è un gesto che permette di aiutare in modo concreto persone che devono affrontare cure delicate e particolari – sottolinea il direttore generale di Bluvolley Calzedonia, Martino Ferrari –. Anche questo è gioco di squadra: attraverso la collaborazione di tutti è possibile raggiungere grandi risultati a beneficio di chi ne ha bisogno».

BluVolley ha poi invitato tutti gli studenti al “Fidas Day”, che si terrà il 2 dicembre all’Agsm Forum, in occasione della partita Calzedonia Verona-Kioene Padova. Gli studenti potranno accedere al Forum a un prezzo promozionale e avranno l’opportunità di sfilare in campo durante l’evento.

Al termine della mattinata ai partecipanti è stata regalata una sacca porta scarpe marchiata Fidas Verona, contenente cancelleria e materiali informativi. Un segno per rendere visibile il messaggio del dono anche in famiglia.
Il fitto calendario di incontri negli istituti di città e provincia proseguirà fino a maggio.

Commenti (0)