Vaccinazione Covid-19

Vaccino COVID-19 e donazione di sangue: il Centro nazionale sangue chiarisce le modalità

A seguito della Circolare del Ministero della Salute protocollo n° 00006830 del 22 febbraio 2021, il vaccino COVID-19 Astrazeneca è esteso anche alla fascia d’età 18-65 anni, ovvero quella dei potenziali donatori di sangue ed emocomponenti.

Il Centro nazionale sangue ha, dunque, ritenuto opportuno precisare che lo stesso vaccino COVID-19 ASTRAZENECA, al pari dei vaccini COVID-19 MODERNA e COVID-19 PFIZER-BIONTECH, è da ritenersi un vaccino “non live”.

Per questo motivo i donatori di sangue che vengono vaccinati con i tre vaccini attualmente disponibili in Italia potranno essere accettati per la donazione di sangue ed emocomponenti 48 ore dopo ciascun episodio vaccinale se asintomatici. Nel caso in cui i donatori dovessero sviluppare sintomi dopo la somministrazione del vaccino, sarà necessaria una sospensione temporanea dal dono che terminerà una volta conclusi i 7 giorni successivi a partire dalla completa risoluzione dei sintomi.