CONGRESSI NAZIONALI FIDAS

Aosta 2021

59° Congresso Nazionale FIDAS
Aosta, 24, 25, 26 settembre 2021


Aosta già nel 2020 doveva ospitare il Congresso Nazionale Fidas, ma la pandemia Covid-19 lo ha fatto posticipare e, quindi, quest'anno oltre 210 congressisti provenienti da tutta Italia si sono riuniti il 24 e 25 settembre nel capoluogo valdostano. I rappresentanti delle associazioni federate Fidas si sono dati appuntamento per un fine settimana dedicato alla cultura del dono del sangue.

L’evento è stato organizzato dal Direttivo Fidas della Valle d’Aosta, dal Direttivo della Federata Fidas “San Michele Arcangelo”, dall’odvs “Silvy Parlato”, dal Coordinamento Giovani Fidas Valle d’Aosta, dal Gruppo “Antonio Santoro” della Polizia penitenziaria di Brissogne e dai gruppi Fidas della Media, Bassa e Alta Valle.

Il 23 settembre 2021 si è svolta la conferenza stampa di presentazione del Congresso a Saint-Pierre, presso il Castello Sarriod de la Tour, con la presenza delle testimonial del Congresso: le campionesse dello sci Gloriana Pellissier e Noemi Junod. Nel pomeriggio ha avuto luogo la deposizione della corona di fiori al "Monumento al Soldato Valdostano" da parte del presidente nazionale Fidas, Giovanni Musso, del presidente regionale Fidas, Rosario Mele, delle istituzioni civili e militari.
Dal 23 al 26 settembre il Castello di Aymavilles si è illuminato di rosso in onore di tutti i donatori e volontari del dono.

Il 24 settembre presso la Sala congressi dell’Hostellerie du Cheval Blanc si sono aperti i lavori congressuali, moderati dalla dott.ssa Silvia Carla Maria Magnani, direttrice del reparto di malattie infettive dell’ospedale “Umberto Parini” di Aosta e membro del Direttivo regionale Fidas. Presenti numerose istituzioni tra le quali: Aurelio Marguerettaz, vicepresidente del Consiglio regionale della Valle d'Aosta; Albert Lanièce, senatore della Repubblica Italiana; Roberto Barmasse, assessore regionale alla Sanità; Erik Lavevaz, presidente della Regione autonoma Valle d'Aosta; Ivo Morelli, questore di Aosta.
Sono stati assegnati l’XI Premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi” e i Premi della II edizione del Concorso “A scuola di dono”.
Il Premio giornalistico, anche in questa edizione, ha ricevuto il patrocinio del Centro Nazionale Sangue e della Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia. Vincitori sono stati: per la sezione nazionale l’inviato Rai, Giammarco Sicuro, con il suo reportage “Messico: il nostro sangue per sfamarci”, trasmesso dal Tg2 il 1° novembre 2020; mentre per la sezione locale è risultato vincitore Stefano Serpellini, autore dell’articolo “I 3 fratelli pakistani che donano anticorpi” pubblicato da "L’Eco di Bergamo" il 9 maggio 2020.

Numerose le scuole che da tutta Italia si sono candidate per il concorso nazionale “A scuola di dono”. A conquistare la giuria sono state le classi:
• III A del Circolo didattico statale "Don Lorenzo Milani" di Randazzo (Catania)
• II D (dell’anno scolastico 2019-2020) della scuola secondaria di primo grado “Michelangelo Buonarroti” di Cinigiano (Grosseto)
• IV C del Liceo Artistico “Ambrogio Alciati” di Trino (Vercelli)

Il 25 settembre ha avuto luogo la tavola rotonda organizzata da Fidas Nazionale: "Verso un nuovo programma di autosufficienza: riflessioni e proposte". I lavori hanno coinvolto tutti i più importanti soggetti del sistema trasfusionale, a partire dal dott. Vincenzo De Angelis, direttore del Centro Nazionale Sangue che ha patrocinato l'appuntamento.

39a Giornata del Donatore

Il 26 settembre 2021 si è svolta la Giornata del Donatore Fidas. Volontari e donatori provenienti da tutta Italia si sono riuniti la mattina ad Aosta, in Piazza Chanoux, sfidando il maltempo. Alle ore 12.00 S.E. mons. Franco Lovignana, vescovo di Aosta, ha officiato la Santa Messa presso la cattedrale di Aosta. Presenti alla celebrazione, oltre ai tanti volontari del dono provenienti da tutta Italia, al Consiglio direttivo Fidas Nazionale e a quello della Fidas Valle d'Aosta con i tanti volontari aostani, anche il sindaco di Aosta, Gianni Nuti e il questore della città, Ivo Morelli.